Ap 13:1-10 La Bestia che sale dal «mare»1

 

1 Poi vidi salire dal mare una bestia che aveva 10 corna e 7 teste, sulle corna 10 diademi e sulle teste nomi blasfemi.
2 La bestia che io vidi era simile a un leopardo, i suoi piedi erano come quelli dell'orso e la bocca come quella del leone. Il dragone le diede la sua potenza, il suo trono e una grande autorità.

In questo resoconto assistiamo all'apparizione di due bestie: una spunta dal mare (v.1) e l'altra dalla terra (v.11). Anche Daniele aveva delle visioni nella sua mente in cui vide scattenarsi sul mar grande i quattro venti del cielo e uscire (salire) dal mare 4 grandi bestie. La prima era simili ad un leone, la seconda simile a un orso, la terza simile a un leopardo e una quarta bestia spaventosa, terribile, straordinariamente forte, che divorava e calpestava tutto (Da 7:2-7). Quelle quattro bestie raffiguravano quattro imperi: il babilonese, il medo-persiano, il greco di Alessandro Magno con i suoi successori e l'Impero romano. Questi regni furono, per il loro carattere di violenza crudele, rappresentate da bestie feroci in contrasto al regno giusto, pacifico ed eterno del figlio d'uomo che Daniele vide venire sulle nuvole del cielo (7:13).

La bestia che Giovanni vide salir dal mare riunisce in sè le caratteristiche delle quattro bestie di Daniele: del leopardo, dell'orso, del leone e dell'ultima spaventosa, terribile, straordinariamente forte.

La bestia che Giovanni vide aveva 10 corna con 10 diademi e 7 teste con nomi blasfemi. In 17: 9-13 viene spiegato che le 10 corna rappresentano 10 regni che assumeranno il potere insieme alla bestia per breve tempo (un ora). Questa verità troviamo già rapresentato nelle 10 dita della statua che vide Nabucodonosor, che sarà l'ultimo regno umano prima che sorgerà quello di Cristo che durerà per sempre (Da 2:41-45).

Si tratta del regno dell'Anticristo, che sembra sorgere subito dopo il rapimento della chiesa e che acquista il potere senza usare la forza. Egli è simboleggiato dal cavaliere sul cavallo bianco che esce all'apertura del primo sigillo (6:1-2).

Lui accetterà ciò che Gesù aveva rifiutato (Lc 4:6-7).

3 E vidi una delle sue teste come ferita a morte (5:6 immolato, slain); ma la sua piaga mortale (let. stroke of death) fu guarita ; e tutta la terra, meravigliata, andò dietro alla bestia; 4 e adorarono il dragone, perché aveva dato il potere alla bestia e adorarono la bestia dicendo: «Chi è simile alla bestia e chi può combattere contro di lei?»

L'affermazione «Chi è simile alla bestia ...?» ha il suo contrasto nel canto che cantarono Mosè con i figli d'Israele a Dio: «chi è pari a te?» Es 15:11 e anche nel nome di Micha'el che vuol dire: chi è come Dio.

5 E le fu data una bocca che proferiva parole arroganti e bestemmie. E le fu dato potere di agire per 42 mesi. 6 Essa aprì la bocca per bestemmiare contro Dio, per bestemmiare il suo nome, il suo tabernacolo e quelli che abitano nel cielo. 7 E le fu dato di far guerra ai santi e di vincerli, E le fu dato di avere autorità sopra ogni tribù, popolo, lingua e nazione.

8 L'adoreranno tutti gli abitanti della terra i cui nomi non sono scritti fin dalla creazione del mondo nel libro della vita dell'Agnello che è stato immolato. Ef 1:3-12

Daniele avea visto di mezzo alle 10 corna della 4° bestia (che sono 10 re - 7:24) sorgerne uno piccolo, davanti al quale 3 corna, cioè 3 re, furono abbattuti. Quel corno pronunziava parole arroganti contro l'Altissimo, sopprimeva i santi, per un periodo di 3 1/2 anni. Poi si tenne il giudizio è gli fu tolto il dominio e il regno fu dato per sempre ai santi dell'Altissimo (7:25-28; 2:34-35).
La bestia che vide Giovanni fu dato potere per lo stesso tempo, anche lei bestemmierà Dio e sopprimerà i santi fino alla sua sconfitta
quando il regno sarà dato ai santi.

Non viene detto da chi la bestia ricevette i 4 poteri (come nel v. 2). Consideriamo alcune verità: Paolo afferma che non vi è autorità se non da Dio (Ro 13:1). Perfino Satana dipende da Dio!

Gesù aveva detto a Pietro: «Rimetti la spada nel fodero; non berrò forse il calice che il Padre mi ha dato (Gv 18:11). Pilato disse a Gesù: «Non mi parli? Non sai che ho il potere di liberarti e il potere di crocifiggerti?» Gesù gli rispose: «Tu non avresti alcun'autorità su di me, se ciò non ti fosse stato dato dall'alto (Gv 19:10-11). Pietro disse al popolo alla Pentecoste: «Gesù vi fu dato nelle mani per il determinato consiglio e la prescienza di Dio» (At 2:23).

9 Se uno ha orecchi, ascolti. 10 Se uno deve andare in prigionia, andrà in prigionia; se uno dev'essere ucciso con la spada, bisogna che sia ucciso con la spada. Gr 15:2; 43:11 Qui sta la costanza (hupomoné) e la fede dei santi.

Queste 3 frasi sono rivolti ai santi per saper affrontare le difficoltà di quel tempo e di ogni tempo. Noi credenti non siamo nel potere di nessuna autorità se quella non lo riceve da Gesù al quale «Ogni potere è stato dato in cielo e sulla terra» Mt 28:18. Ci viene chiesto di aver costanza e fiducia (fede).

Abbiamo un'altra responsabilità. Gesù aveva dato la Sua parola ai suoi discepoli (Gv 17:14). Prima l'avevano i sacerdoti e i Farisei ai quali Gesù disse: «il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti» Mt 21:43.
Cosa si aspetta da chi ha la parola di Dio?
Paolo chiese ai credenti di Efeso di pregare per lui affinché
gli «sia dato di parlare apertamente per far conoscere con franchezza il mistero del vangelo» (Ef 6:19). Non dovrebbe essere questo anche la tua preghiera?

 

La bestia che sale «dalla terra» il falso profeta

11 Poi vidi un'altra bestia, che saliva dalla terra, e aveva due corna simili a quelle di un agnello, ma parlava come un dragone.

Questa bestia è chiamata per tre volte «il falso profeta» (16:13; 19:20; 20:10).

È il travestimento del vero Messia,simbolizzato come un agnello con 7 corna (5:6) .
Egli ha l&rsquoapparenza di un agnello. Ha due corna come un agnello, ma parla come un dragone.
McArthur dice che: «l&rsquoimmagine dell&rsquoagnello può indicare che il falso profeta si presenterà come il Cristo, imitandone il comportamento.

A differenza dell&rsquoAnticristo, il falso profeta non si presenterà come un animale feroce e pericoloso, ma si mostrerà amabile e affascinante.» È dal suo modo di parlare che si capirà l&rsquoinganno, che egli è ispirato da satana, il dragone.

12 Essa esercitava tutto il potere della prima bestia in sua presenza, e faceva sì che tutti gli abitanti della terra 3 adorassero la prima bestia, la cui piaga mortale era stata guarita.

Il falso profeta e la prima bestia sono un cuore e una mente e esercitano la stessa potenza, poiché entrambi traggono la loro forza dalla medesima sorgente. Insieme al dragone formano la trinità diabolica. La sfera d&rsquoattività della prima bestia sarà politica e della seconda bestia ecclesiastica. Il falso profeta indurrà tutti gli abitanti della terra a adorare la bestia, la cui piaga mortale era stata guarita. Più in avanti viene detto che aveva una ferita di spada ed era ritornato in vita (14). Generalmente si pensa che ciò indica la rinascità dell&rsquoImpero romano. È certamente interessante che il trattato costitutivo sull&rsquoUnione Europea fu fatto il 29 luglio 1992 a Roma.

13 E operava grandi prodigi (semeia - segni) sino a far scendere fuoco dal cielo sulla terra in presenza degli uomini,

come Elia che con ciò evidenziava di essere servo del vero Dio e gli adoratori di Baal idolatri (1 Re 18) e che in un altra occasione fece scendere del fuoco sui capitani con i loro 50 uomini quando questi gli ordinavano di presentarsi al re Accazia (2 Re 1).

14 E seduceva gli abitanti della terra con (dià) i prodigi che le fu concesso di fare in presenza della bestia,

dicendo agli abitanti della terra di erigere un'immagine della bestia che aveva ricevuto la ferita della spada ed era tornata in vita.

Gesù avvertì i suoi dicendo: Mt 24:24 «sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno grandi segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti».

Questo falso profeta sedurerà gli uomini con i suoi grandi prodigi (segni)

Paolo scrive in 2°Te 2:9-12: « La venuta di quell'empio avrà luogo, per l'azione efficace di Satana, con ogni sorta di opere potenti, di segni e di prodigi bugiardi, con ogni tipo d'inganno e d'iniquità a danno di (di chi?) di quelli che periscono perché non hanno aperto il cuore all'amore della verità per essere salvati». Che cosa fa Dio perciò?

«Perciò Dio manda loro una potenza d'errore perché credano alla menzogna; affinché tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma si sono compiaciuti nell'iniquità, siano giudicati».

Prodigi non provano la missione divina di un individuo.
Per mezzo dei grandi segni la bestia che salirà dalla terra sedurà gli abitanti della terra a fare una imagine alla bestia e poi

15 Le fu concesso di dare uno spirito all'immagine della bestia, affinché l'immagine potesse parlare

e far uccidere tutti quelli che non adorassero l'immagine della bestia.

Non è la prima volta nella storia che gli uomini vengono indotti a adorare l&rsquoimagine di un governante.
Vi ricordo solo Nabocodonosor e per i tempi piu recenti Hitler, Stalin e Mao.

E quanti sono oggi sedotti da miracoli (segni) di esprimere la loro devozione alle varie statue di madonne e di santi. Durante il tempo dell&rsquoAnticristo ci sarà la sentenza di morte su tutti coloro che non saranno devoti alla sua immagine come nel tempo di Daniele.

16 Inoltre obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi,

a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte (20:4 = «e»).

17 Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio,

cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome.

18 Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza, calcoli il numero della bestia, perché è un numero d'uomo; e il suo numero è 666.

Il marchio indica la appartenenza, la devozione e la lealtà nei confronti della bestia. Fino ad oggi del bestiame viene marcato a fuoco con la sigla del proprietario. Anticamente furono marcati i schiavi.

Nel capitolo 14 tre angeli proclamano i giudizi di Dio. Il terzo angelo disse a gran voce (9-12): «Chiunque adora la bestia e la sua immagine, e ne prende il marchio sulla fronte o sulla mano, egli pure berrà il vino dell'ira di Dio versato puro nel calice della sua ira; e sarà tormentato con fuoco e zolfo davanti ai santi angeli e davanti all'Agnello». Il fumo del loro tormento sale nei secoli dei secoli. Chiunque adora la bestia e la sua immagine e prende il marchio del suo nome, non ha riposo né giorno né notte. Qui è la costanza dei santi che osservano i comandamenti di Dio e la fede in Gesù.

Il marchio dell&rsquoanticristo in contraposizione ai tefillin 4 che gli ebrei ortodossi portano per la loro estrema devozione a Dio nella sinagoga sulla fronte e sulla mano pensando che Dio lo richieda secondo De 6:8 dove sta scritto «Te li legherai (i comandamenti - mitzvot) alla mano come un segno, te li metterai sulla fronte in mezzo agli occhi».

Non possono pregare senza questi e quando li hanno fissati ai loro corpi non devono pensare ad altro che al Signore.

In merito al numero della bestia e il suo nome si hanno fatto molte speculazioni. È bene aspettare il tempo che chiarirerà tutto.

Quel tempo sarà un tempo talmente difficile come mai è stato prima e mai più sarà. L&rsquoimposizione del marchio dell&rsquoanticristo introdurrà un controllo totalitario sulla vita religiosa e economica, dal quale nessuno potrà sottrarsi.

Oggi abbiamo la possibilità di avvertire le persone affinche sfrutino il tempo per mettersi in regola con Dio accogliendo Gesù come Salvatore e Signore. Dio ci ha affidato questo messaggio affinché lo divulghiamo. L'aumento e il susseguirsi di ogni tipo di sisastri ci da l&rsquooccasione di poter accennare al futuro predetto dal Signore.

Siamo chiamati a consacrarci al Signore e di impegniarci maggiormente a testimoniare di Gesù per strappare delle anime dai legami di Satana, prima che venga tale tempo. Il brano relativo alla 2° bestia ci dice: Guardatevi dai falsi profeti. Non lasciatevi ingannare dalle apparenze innocue, dalla veste religiosa sotta la quale possono presentarsi i falsi dottori. Guardate alla sostanza del loro insegnamento. Non lasciamoci sedurre da miracoli bugiardi. Provate gli spiriti per sapere se sono da Dio.

Coltivate una buona coscienza ubbidiente alle verità conosciute. Sia la nostra vita piena di frutti, specialmente del frutto dello Spirito. Ciò è il migliore mezzo per immunizzarci contro le infezioni degli errori e per darci forza di resistere alle imposizioni della menzogna.

Mi chiedo: quanti di noi sarebbero pronti di rifiutare la devozione all&rsquoimmagine dell&rsquoanticristo, come a suo tempo fece Davide, e di rifiutare l&rsquoaccettazione del marchio manifestando la nostra fedeltà a Cristo se già oggi, senza il rischio di vita a mala pena, apriamo la bocca in favore di Gesù Cristo consacrandoci completamente a Lui?

 

1 Il capitolo 12:18 finisce con le parole: «E si fermò sulla riva del mare». La Diodati ha: «io mi fermai ...»

2 7 è il numero del riposo e della perfezione.

3 la terra e quelli che abitano in essa VR. Traduzione letterale: La terra, kai-cioè gli abitanti in essa. Questa espressione vuole probabilmente esprimere semplicemente la totalità degli abitanti della terra.

4 Mac Arthur: astucci di cuoio contenenti una pergamena su cui sono riportati in 4 colonne Es 13:1-10, 11-16; De 6:4-9; 11:13-21 applicando letteralmente Es 13:9-10 e De 6:8. Gli uomini se li fissano durante la preghiera in mezzo alla fronte e una sul braccio sinistro.

indietro