Contactions

Fondazione per dei bambini e degli zingari in bisogno

Giugno 2008


Samuel comunica: ”Nelle ultime settimane il prezzo per il riso è aumentato dal 20 al 30 per cento.


Anche il numero dei bambini cresce sempre, di maniera che ci serve in questo momento 30 mila chili di riso al mese”.


Maggio 2008: “Grazie a Contactions la ragazza zingara cieca Bavani è stata operata agli occhi e così ha ritrovato la vista”.


 

 

Scuola biblica per bambini nel periodo d’aprile a maggio 2008:

In 63 villaggi zingari circa 8 mila bambini hanno partecipato durante 7 a 10 giorni secondo il luogo.

 
 

L’insegnamento si faceva a quattro livelli d’età. In più hanno passato il tempo con cantare, giocare, distrarsi con lavori manuali e mangiare bene.

Insieme alle nostre 200 collaboratrici indigene altre 400 persone ci hanno assistito in modo volontario, quasi tutte donne. Samuele diceva: “Durante queste settimane ho dormito soltanto 4 ore per notte”.

In breve dal dirigente Mathieu Eggler:

1. Scuola biblica d’estate
C’era un bambino di 6 anni chi doveva lavorare ogni giorno sei ore, prima di poter venire.

2. Il nuovo anno scolastico
Nell’anno passato 3'192 bam-bini hanno potuto frequentare la scuola. A cominciare dal mese di luglio ci manderemo più di 4 mila. Contactions paga per tutti loro la tassa scolastica, il materiale e la divisa di scuola.

3. Un incontro tra dei giovani
A metà d’agosto avrà luogo un evento con dei giovani della Svizzera con la gioventù degli “zingari-circo” a Medavakkam.

 

4. Una scuola biblica per degli zingari
Lo scopo è di formare dei capi di villaggio zingari e istruire degli altri collaboratori per il lavoro di Contactions. I corsi sono pre-visti a cominciare nel mese di agosto dell’ anno in corso.

5. Bilancio di fine d’anno 2007
La verifica dei libri contabili 2007 e finita. Chi desidera avere un estratto può chiederlo dal dirigente di Contactions.

6. Vittime del ciclone di Burma
Contactions ha trasferito all’opera cristiana di soccorso d’urgenza la somma di 5 mila franchi svizzeri in favore delle vittime dell’uragano Nargis.

INDIETRO