Questa notizia è stata data sia nella televisione locale che nel notiziario: http://www.alguer.it/notizie/alghero/

 

Presentata la “Mostra del libro cristiano“


La manifestazione inizierà lunedì nelle sale del Caval Marì ed accompagnerà i visitatori in un viaggio nella conoscenza del libro più diffuso del mondo: la Bibbia
ALGHERO – «La Bibbia trasforma la vita e la società». Questo il pensiero centrale della “Mostra del libro cristiano”, la manifestazione presentata questa mattina, nella Sala Rossa del Municipio di via Columbano, da Antonello Muroni, in veste di assessore alla Cultura, e Klaus Doring, rappresentante della Chiesa Cristiana.

Già nel 303, l’imperatore romano Diocleziano, aveva ordinato la distruzione di tutte le copie della Bibbia presenti nell’impero e l’uccisione dei possessori.

Doring è un missionario, che dal 1963, assieme alla moglie Evangelina, porta la conoscenza della Bibbia in tutta la Sardegna, con particolare attenzione al Nord dell’isola. L’evento inizierà lunedì mattina e ospiterà nelle sale del Caval Marì tutte le persone che vorranno conoscere meglio il libro più stampato e diffuso nel mondo. «E’ un libro che va oltre le singole religioni – afferma Doring – è il più stampato, il più letto, ma anche il più odiato del mondo, perché pretende – prosegue il

rappresentante della Chiesa evangelica – di essere l’unico ispirato da Dio e condanna tutte le altre religioni». Doring ricorda anche le varie persecuzioni.
La Santa Inquisizione decise per la confisca ed il rogo dei libri, mentre il Granduca di Toscana, si limitò a requisirli.
«Ancora oggi – dichiara Doring – nei paesi islamici come l’Arabia Saudita, l’Iran, il Sudan o il Kuwait, chi possiede la Bibbia viene arrestato». Secondo Klaus Doring, la Bibbia è un libro che, se fosse preso sul serio, cambierebbe la vita dell’umanità. Come diceva Papa Giovanni: «Ogni cristiano dovrebbe avere nella propria casa una copia della Bibbia».

[ Effettivamente avevo detto: Ancora nel 19° secolo, con la sconfitta delle repubbliche, il Granduca della Toscana fece requisire tutte le Bibbie che circolavano nella Toscana e il Papa, tornato a Roma, fece sequestrare e bruciare nel cortile interno del Vaticano migliaia di copie. Con Papa Giovanni il periodo della distruzione delle Bibbie è terminato e fu lanciato una massiccia stampa e divulgazione della Bibbia. Giov. XXIII diceva che ogni Cristiano doveva possedere una Bibbia e leggere in essa ogni giorno. ]

La manifestazione, patrocinata dall’assessorato alla cultura del Comune di Alghero, presenterà edizioni vecchi e nuove, tradotte in svariate lingue, della Bibbia. Bibbia che sarà elemento centrale dei dibattiti che si terranno ogni sera alle 19 al Caval Marì:
martedì 20 “Che cos’è la Bibbia? - Un panorama di tutta la Bibbia”
mercoledì 21 “La Bibbia è un libro attendibile? – Bibbia e archeologia”;
giovedì 22 “La Bibbia è un libro attuale? – Le profezie della Bibbia”;
venerdi 23 “Perché conviene leggere la Bibbia? - Che cosa produce la lettura della Bibbia? - Che cosa succederebbe del l’applicassimo?”;
sabato 24 “La Bibbia e la politica”;
domenica 25 “La Bibbia e l’ambiente”.

I visitatori verranno guidati gratuitamente tra documenti storici, libri e schede di approfondimento. Verrà aperta anche una libreria a consultazione gratuita. Le iniziative seguono le parole di San Gerolamo che diceva: «L’ignoranza della Bibbia è ignoranza di Cristo».

Nella foto: Klaus Doring, rappresentante della Chiesa Cristiana e Antonello Muroni, assessore alla Cultura del Comune di Alghero